Sono quattro anni che il tracciato di Losail, in Qatar, apre il Mondiale MXGP. Un tracciato illuminato a giorno, ricavato all’interno della pista dove corre anche la MotoGP e la SBK.

Nell’atmosfera notturna, il Team Honda RedMoto non ha raccolto i risultati sperati a causa di problemi vari che sono sorti durante le due manche.

Nel corso delle prove del venerdì, Alessandro Lupino è scivolato procurandosi una forte contusione al gomito e alla mano destra. Tutto questo ha un po’ condizionato il suo rendimento e la sua guida ne ha risentito. Da sottolineare anche che il viterbese, fisicamente, non è ancora al top avendo dovuto iniziare tardi la preparazione per via dell’operazione alla spalla. A fine giornata, Alessandro raccoglie otto punti frutto di un 18° ed un 16° piazzamento.

Per Kei Yamamoto, invece, il problema principale è stato lo scarso feeling con il tracciato. Al giapponese non è mai piaciuta questa gara per il fatto che si corre di sera e, nonostante un’ottima illuminazione, le zone d’ombra lo infastidiscono. Inoltre Kei, dovrà lavorare sulle partenze perché se si parte dopo la metà del gruppo, diventa poi difficile recuperare.

ALESSANDRO LUPINO #77

“ Questo primo GP non è andato come volevo. E’ stata dura perché al quarto giro delle libere ho fatto un bel cappottone in un doppio e mi sono fatto male al gomito e alla mano destra. Ho veramente sofferto anche perché sono un po’ indietro con la preparazione e devo lavorare per tenere i trenta minuti della manche”.

Kei Yamamoto #400

“Non sono state due belle manche queste del Qatar. Sono sempre partito indietro ed è stato difficile poter recuperare perché questo tracciato a me non piace molto. Ho provato a spingere e seguire quelli che avevo davanti, ma il ritmo era veramente alto. Ora si vola in Thailandia dove, ne sono certo, migliorerò”

 Yamamoto_Mecc_05 Lupino_Moto_04

 


 

QATAR GP
A COMPLICATED RACE

Since 4 years Losail Circuit, in Qatar, opens MXGP World Championship. It’s a floodlit track extracted from inside the area where MotoGP and SBK race too.

In that night atmosphere, Team Honda Red Moto didn’t collect the results they were hoping for, due to some problems appeared during the two manches.

During friday practice Alessandro Lupino slipped and he got a big contusion to the elbow and the right hand. This injury shaped his performance and his driving. He is also physically not ready yet, because of the surgery that he had during winter that caused the late start of his preparation.

Key Yamamoto instead had his main problem with the feeling of the circuit. The japanese never liked the track this much and although it is very well illuminated, the shaded areas bother him. He will also have to work hard for the race starts: beginning the race in the middle of the group doesn’t make the recovery easy.

ALESSANDRO LUPINO #77:

“First round didn’t go as I expected. It was hard because at lap 4 of the practice session I had a big crash in a double and I injured myself to the elbow and the right hand. I really suffered because I’m also still backwards with the body preparation and I need to work hard to keep well all 30 minutes of each manche”.

KEY YAMAMOTO #400:

“It wasn’t a good round in Qatar. I always started in the back and it was hard to be able to recover because I don’t really like this circuit. I tried to push hard and follow who was ahead but the rithm was really high. We’ll now fly to Thailand where I’m sure I’ll improve my performance”.