MXGP OF USA

MXGP OF USA

In America Lupino combatte le difficili condizioni del tracciato

In America, nell’ultimo round di MXGP oltre oceano del Team Honda Redmoto, Alessandro Lupino deve combattere contro le difficili condizioni del tracciato.

L’MXGP americano richiama da sempre i migliori piloti del mondo,  i protagonisti del circuito AMA non prendono certo l’opportunità di partecipare al Campionato del Mondo.

Le forti piogge e l’alta umidità, hanno caratterizzato tutto il weekend, difficili condizioni sia nelle prove libere che nelle prove cronometrate per tutti i piloti del WW Motocross Park di Jacksonville.

Lupino in modo saggio sfrutta le sessioni di prove libere per trovare il giusto feeling con la pista a bordo del suo CRF450R e valutare così le condizioni per la gara di qualifica. Una incertezza su di un salto ed il nostro Lupino urta il manubrio. Fortunatamente l’italiano non riporta alcuna lesione, terminando le due sessioni rispettivamente 18th e 16th.

Nella gara di qualifica parte bene, per buona parte della gara Lupino battaglia con il pilota di casa Honda factory Evgeny Bobryshev. Seppur in progressione, causa le difficili condizioni, Lupino taglierà il traguardo in 19th posizione.

Le condizioni migliorano nelle 2 gare successive, anche se l’alto tasso di umidità si aggiunge alla sfida. Sebbene indolenzito dalla giornata precedente,Lupino mette in scena la sua forza mentale, facendosi strada per ottenere in gara 1 il 14° posto.

I primi giri di gara 2 vedono il n. ’77’ combattere con Justin Barcia, un incedente nel cercare di passare l’americano retrocede Lupino di qualche posizione. Lupino non molla, recupera e restituisce l’overtake a Barcia a 4 giri dalla fine, riuscendo così a tagliare il traguardo in 14° piazza.

Il Team Honda Redmoto ora si reca nei Paesi Bassi per il penultimo round del Campionato MXGP 2017, dove il TT Circuit Assen sarà trasformato in una tracciato MX temporaneo a base di sabbia (9-10 settembre).

Alessandro Lupino

“Il GP degli USA era il più difficile dell’anno. Sabato a causa di un incidente su di un salto dove ho urtato il piede e sono stato scaraventato. Sono stato fortunato, non ho riportato alcuna lesione, ma la pista era pericolosa e tanti piloti sono caduti. La domenica un po’ meglio, quindi ho cerco di spingere anche se dolorante, ma ho fatto una buona manche. Gara 1 è andata bene ho chiuso in quattordicesima posizione, gara 2 poteva andare meglio ma mentre cercavo di passare Barcia sono caduto urtandolo, per questo sono un po’ deluso. Poi sono riuscito a recuperare nuovamente ottenendo il 14° posto, ma per me è stato sicuramente il GP più difficile. Ancora due GP e poi il Nazioni, quindi vediamo se possiamo arrivare nei primi dieci nelle prossime due gare “.

Leave a Comment